Copertina 8,5

Info

Genere:Heavy Metal
Anno di uscita:1989
Durata:non disponibile
Etichetta:Beggars Banquet

Tracklist

  1. SUN KING
  2. FIRE WOMAN
  3. AMERICAN HORSE
  4. EDIE (CIAO BABY)
  5. SWEET SOUL SISTER
  6. SOUL ASYLUM
  7. NEW YORK CITY
  8. AUTOMATIC BLUES
  9. SOLDIER BLUE
  10. WAKE UP TIME FOR FREEDOM
  11. MEDICINE TRAIN

Line up

Non disponibile

Voto medio utenti

Se "Electric" ha rappresentato l'ingresso in pompa magna dei The Cult nel mondo dell'hard rock, conquistando l'affetto di un pubblico fino ad allora ostile, l'album successivo è chiamato al difficile compito di non farne rimpiangere le meraviglie. Difficile, onestamente, sperare in una replica altrettanto veemente, ugualmente "violenta" in termini di selvaggio "high voltage"; più facile prevedere che Ian Astbury e Bill Duffy, una volta entrati in quella scena sfondando direttamente la porta, tentino la carta dell'establishment. Non a caso, per la produzione di "Sonic Temple", viene chiamato il signor Bob Rock, alias uno dei maghi della consolle più ricercati nella seconda metà del decennio, che troverà imperitura gloria e dollaroni a fiumi un paio d'anni dopo, grazie al suo lavoro sul "Black Album" dei Metallica.

Immagine


La formazione resta "a quattro", con l'unica eccezione, rispetto ad "Electric", del batterista Mickey Curry (ex Little Angels) che prende il posto di Les Warner. Non amo utilizzare l'aggettivo "maturo" quando si tratta di musica, e questo per due motivi: il primo perché spesso è un sinonimo di "si sono ammosciati", il secondo perché significherebbe che, quanto espresso precedentemente, sarebbe da considerare poco più che monnezza. Nulla di tutto questo, almeno nel caso dei The Cult, eppure anche sforzandomi, non riesco ad individuare una parola che meglio sintetizzi lo "scatto" stilistico tra "Electric" e "Sonic Temple". La sostanza è molta, moltissima: un hard rock tosto ed adulto, che pesca a piene mani dal glorioso passato degli anni 70 e lo riveste di luce moderna. "Sun King", con quell'inizio vagamente psichedelico, potrebbe trarre in inganno, ma è solo un attimo: il riff di Duffy è dirompente, il drumming di Curry un macigno, ed il cantato di Astbury richiama i guru più influenti del settore. Meno AC/DC e più Led Zeppelin, se volessimo proprio descrivere "Sonic Temple" in poche parole: un concetto forse semplicistico, ma che trova conferma nella mastodontica "Soul Asylum", ennesima digressione sulla via del "Kashmir". Il singolo "Fire Woman" è intenso hard rock, ed Astbury, pur non possedendo un'estensione paragonabile a certi frontman "nati e cresciuti" nel genere, sciorina una impressionante tempra da icona maledetta. "American Horse" avvalla l'impressione di avere tra le mani un disco più studiato, capace di iniettare la liquidità lisergica di "Love" nelle possenti fasce muscolari di "Electric". Addirittura ci si imbatte in una ballad dalle atmosfere oniriche come "Edie (Ciao Baby)", per passare senza traumi ad una "Sweet Soul Sister" pesantemente modellata da tastiere vintage ed incentrata su un refrain ad effetto istantaneo. Sia la prima che la seconda, non casualmente, verranno pubblicate come singoli/videoclip dopo la già menzionata "Fire Woman".
La partecipazione ai cori di "New York City" da parte di Iggy Pop rappresenta la certificazione definitiva sul curriculum hard rock del gruppo, che preme forte sul groove anche nell'accattivante "Automatic Blues". E non importa se lo "scheletro" portante del brano citi apertamente "Black Dog" dei soliti Led Zeppelin; la strada maestra è stata solcata, e la coppia Astbury/Duffy ha intenzione di percorrerla fino in fondo. "Soldier Blue" è un altro pezzo da novanta dell'album, con quel tambureggiare guerresco che anticipa una bellissima armonia di chitarra di Bill, ed un cantato di Ian che sembra inneggiare alla libertà. Il drumming di Curry suona preciso come un metronomo, ed è probabilmente in questo tipo di canzoni che si capisce del tutto il suo ingresso in formazione a discapito di Warner. Del resto, Bob Rock è conosciuto per la cura maniacale dei dettagli, almeno fino a quell'aborto mancato di "St.Anger", ed ogni tassello del puzzle deve rientrare nei suoi parametri.

"Sonic Temple" ottiene riconoscimenti unanimi da critica e pubblico, che lo gratifica con vendite talmente soddisfacenti da piazzarlo nella Top Ten delle classifiche americane. Esauritosi il fattore sorpresa con "Electric", The Cult dimostrano coi fatti di rifiutare il ruolo di "meteora" del firmamento hard'n'heavy, per candidarsi con forza a quello di stella polare.

Recensione a cura di Alessandro Ariatti
The Cult - Sonic Temple

Tra "Love" ed "Electric" l'atteso ritorno con "Sonic Temple"(1989).Su MTV frequentemente viene trasmessa la classic hair metal ballad Edie(nella Billboard Top 10) o Fire woman(hard 'n' heavy con ideologie prog/soul) Fra le tracce riuscite:Sun King e American Horse.Cosi' i The Cult partono in un tour incessante ed esaustivo con I Guns per promuovere un prodotto di alto livello e classe.(Nei cori di 'New York City' si nasconde un certo..Iggy Pop)

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 21 lug 2022 alle 16:27

Amo i The Cult, e reputo Billy Duffy la mia musa ispiratrice. Non sono mai riuscito ad entrare completamente in sintonia con questo disco pur apprezzandone molte peculiarità, tipo la produzione bombastica di Bob Rock, la prestazione tecnica della band (su tutti il grande Billy che però darà ancor di più il meglio sul successivo e incompreso "Ceremony"). Però ho sempre trovato questo disco troppo "piacione", con troppi ritornelli e "nananà" da stadio, figli degli anni '80 (periodo dal quale nasceva infatti). Molto meglio i più sanguigni "Love" e "Electric". Però devo riconoscere che questo disco insieme a "Beyond good & Evil" e "Choice of Weapon" ha il suon più bombastico ed efficace della loro discografia. Guarda caso, dietro alla console c'era Bob Rock...

Inserito il 21 lug 2022 alle 09:58

Mammamia che album ... ho consumato al musicassetta ai tempi. Grandi The Cult.

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.