Copertina 7,5

Info

Genere:Heavy Metal
Anno di uscita:2020
Durata:35 min.
Etichetta:independent

Tracklist

  1. STONE GIANTS
  2. INTO THE BADLANDS
  3. A NEVERENDING JOURNEY
  4. TROOPS OF THE DAMNED
  5. SOULSHIPS
  6. THE FRAIL AND THE WEAK
  7. LORD OF ALL DARKNESS
  8. IRON WILL

Line up

  • Costas Papaspyrou: guitars (lead)
  • John Tsiakopoulos: guitars, bass
  • Jim Kotsis: vocals, lyrics
  • Vasilis Nanos: drums (guest)

Voto medio utenti

Da qualche tempo in Grecia c'è una fortissima voglia di metal classico, lo si capisce dalle ottime band che sempre più spesso escono da questa antica terra e dall’operato di label come la No Remorse che stanno lavorando molto bene per portare il metallo ellenico negli stereo dei veri appassionati.
La band di cui vi parlo oggi, i Black Soul Horde, non sono degli esordienti, si sono infatti formati nel 2012 ed il primo full length è dell’anno successivo ma, vuoi per una qualità non proprio eccezionale, vuoi per una promozione inesistente, sono stati risucchiati in un buco, un maelstrom da cui escono oggi più determinati che mai.

Land of demise è un grande disco di metal classico, coinvolgente, battagliero, evocativo e basta guardare la sua splendida copertina per essere trascinati all’interno del disco e cavalcare verso la morte al loro fianco, sicuri che saremo sempre protetti.

Questo è un album basato sui riff, su hook vincenti, su buone melodie, Si parla di un metal assolutamente classico, con rimandi alla NWOBHM, agli Omen, un pizzico di Jag Panzer e Battleroar, insomma, un sapiente mix di metallo tradizionale, potenza e velocità power, solennità doom e giuste atmosfere. Questi greci ci riportano a metà degli anni ’80 ma con stile, senza copiare nessuno in particolare e senza cercare di ricreare certe sensazioni tramite suoni fintamente vintage. La produzione è perfettamente in linea con la proposta: chiara, viva, lontana da frequenze pompate o finti filtri analogici, in questo modo a parlare sono le canzoni e di cose da dire ne hanno diverse.
All'inizio, ad un primo ascolto veloce di un brano, ero già abbastanza coinvolto ma -lo ammetto- avevo qualche riserva sul cantato che sentivo un po’ troppo nasale, miagoloso. Questa sensazione è completamente sparita immergendomi nel disco, ascoltandolo ancora ed ancora. Jim ha certamente dei limiti, ricorda abbastanza un Ozzy degli anni ’80, un Halford "sottile" ma cazzo, si adatta perfettamente alla scrittura dei brani e fa il suo sporco lavoro. Questo mi importa: che una canzone funzioni bene! Chi se ne frega di estensioni limitate o timbri inconsueti quando con personalità e convinzione riesci a far decollare un pezzo.
Le chitarre tirano fuori sempre ottimi spunti, scansando la banalità, il basso è preciso e travolgente, la batteria mai troppo quadrata, anzi, è viva ed assolutamente varia. Land of Demise ci presenta otto pezzi, quasi tutti sui quattro minuti, che si gustano che è un vero piacere, con il giusto tiro, una vena epica e fiera sempre presente, tre spanne sopra per varietà, composizione, coesione, truezza alla mole di piccole band che ricopiano semplicemente e pedissequamente gli anni d'oro della nostra musica.

In questo anno schifoso la nostra musica preferita scorre con rinnovata potenza, è inarrestabile e riesce a rassicurarci, consolarci, darci quella carica giusta che questi tempi miserabili richiedono. Siano benedetti il metallo ed i suoi messaggeri come i Black Soul Horde.


Recensione a cura di Francesco Frank Gozzi

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 14 gen 2021 alle 09:25

Bel disco davvero...come ne escono pochi ultimamente! Per quanto riguarda le reminiscenze maideniane...le ritrovo soprattutto riferite all'ultimo periodo di Mr. Harris e soci...ma in senso buono :-D HAIL AND KILL !!!

Inserito il 14 gen 2021 alle 08:45

E' una bestemmia se dico che ci sento anche un po' di Maiden? Certo che non è una bestemmia, ovunque ci sia metal con della melodia, con un basso ben presente c'è lo zampino dei Maiden :) Per questo lavoro ho preferito suggerire altri nomi come paragone per evitare che i BSH venissero confusi con una delle millemila band-clone dei Harris&C. \m/

Inserito il 13 gen 2021 alle 12:35

E' una bestemmia se dico che ci sento anche un po' di Maiden?

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.