Copertina 8,5

Info

Genere:Heavy Metal
Anno di uscita:2021
Durata:40 min.
Etichetta:Independent

Tracklist

  1. ANNO MILLE
  2. PESTILENTIA
  3. TORQUEMADA
  4. MALLEUS MALEFICARUM
  5. ANGÉLE DE LA BARTHE
  6. LA DANZA DELLE STREGHE
  7. LA MANO DI DIO
  8. TORTURA

Line up

  • Piero Arioni: drums
  • Andrea Mattei: guitars, bass, keyboards
  • Sommo Inquisitore: vocals

Voto medio utenti

Con tutto il bene, la conoscenza e la stima che provo per Ciape, all'anagrafe Giuseppe Cialone, non avrei mai pensato che anche questo suo disco solista a nome Sommo Inquisitore sarebbe stato capace di conquistarmi in maniera così subitanea e profonda, sin dal primo ascolto e sicuramente per lunghi anni a venire, così come fu in occasione di "Fede potere vendetta" dei Rosae Crucis nel lontano 1997, quando li conobbi ai tempi di Metal Shock con quel demotape giunto casualmente tra le mie mani.

Di anni ne sono passati ben 24 ma le emozioni provate all'ascolto della sua voce non cessano di vibrare, alla luce di "Anno Mille", questo concept sul mondo del Medioevo, al solito narrato in maniera teatrale e possente in lingua italica, con uso saltuario ed efficace del latino che ovviamente rende il tutto assai più magnoloquente e severo.

Severo, drammatico, epico: aggettivi che ormai sempre meno si legano all'heavy metal ma che per fortuna nel sempreverde bosco dell'underground ancora non si faticano a trovare; heavy metal adulto, fiero e colto, sin dall'attitudine fino ai testi che ci conducono in questo viaggio.
Viaggio che, va detto, rispecchia a grandissime linee le sonorità dei Rosae Crucis sebbene ci siano delle gradevolissime novità rappresentate dall'utilizzo di strumenti "alternativi", come ad esempio il violino, e degli arrangiamenti meno "diretti", probabilmente dovuti alla presenza di musicisti non direttamente coinvolti nel panorama metal, ad eccezione di Piero Arioni, da quasi venti anni batterista della rosacroce.

Oltre all'indubbia maestria a livello di linee vocali, decisamente convincenti sono i riff che sostengono ogni brano e le melodie, mai troppo invadenti ma sempre di gran gusto, specie nei taglienti assoli che adornano a perfezione gli otto brani che vanno a formare "Anno Mille", opera di un Andrea Mattei ottimo protagonista anche al basso ed alle tastiere.

Un'opera imponente in ogni sua parte, che trova i suoi apici in "Pestilentia", "Malleus Maleficarum", la struggente "Angèle de la Barthe" e la potentissima "La Danza delle Streghe", ma che come tale va gustata per intero, dall'inizio alla fine, in un crescendo di emozioni e sentimenti, com'è d'uopo per una Musica considerata Arte e non mero intrattenimento.

Senza esitazioni nella top 10 di un 2021 che già prima della sua metà promette di essere un anno sfavillante per il metal, alla faccia di tutti i detrattori ed i traditori.

Recensione a cura di Gianluca 'Graz' Grazioli

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 13 giu 2021 alle 11:33

infatti xò sn gusti musicali ,sicuramente nn commerciali

Inserito il 02 giu 2021 alle 10:36

Graz, io ricordo di essermi visto i Rosae Crucis venire dalle mie parti a suonare e venni fulminato letteralmente tant'è che acquistai da loro "Fede, Potere & Vendetta", questo lo farò mio assolutamente!

Inserito il 25 mag 2021 alle 15:10

grazie a voi per aver letto la recensione e commentato, spero che questo disco vi piaccia :)

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.