ludwig

Avatar 11

Info

Genere preferito:non disponibile
Data di nascita:non disponibile
Web:non disponibile
Provincia:non disponibile
Iscritto dal:16 luglio 2010

Ultimi commenti inseriti

Inserito il 24 set 2021 alle 21:25

Capolavoro assoluto, 10/10 (i voti di alcuni lettori in alto non si possono vedere, saranno forse fans di Fedez...). L'ho sempre messo nella sacra triade con Powerslave e Piece of Mind, a completare la maturità dell'era classica della band. Lo ritengo infine molto superiore al successivo 7th son, che anzi -opinione oggi impopolare- trovo sia stato fin troppo rivalutato nel corso degli anni (miglior disco dei Maiden, addirittura...).

Inserito il 06 ago 2021 alle 09:55

Esatto, ad esempio personalmente stravedo per Face the heat: i suoni patinati di Savage Amusement nel 1993 non sarebbero mai sopravvissuti all'ondata grunge...loro restarono a galla con personalità e coraggio, non accodandosi ma piuttosto avvicinandosi in qualche modo al filone "heavy" che stava tornando in auge. Oppure pensavo a Humanity, uscito quando c'era la moda dei chitarroni ribassati: l'hanno fatto anche loro, ma (a parte forse un paio di tracce) quello per me è senza riserve un album da Scorpions. L'eccezione è EyeIIEye, episodio pop maldestro, per fortuna rimasto isolato in una discografia per certi versi ineguagliabile.

Inserito il 05 ago 2021 alle 18:24

Il mio gruppo preferito in ambito hard rock. Questo disco all'epoca non ebbe grossi riscontri dalla critica (se non ricordo male), a me viceversa è sempre piaciuto, certo non è tra i miei preferiti della discografia ma contiene alcuni picchi assoluti e merita di essere riscoperto. Un album melodico e patinato, consapevolmente contemporaneo ma sempre 100% Scorpions, e anche per questo -come dice la recensione- è invecchiato bene. Loro sono (QUASI) sempre riusciti ad interpretare musicalmente le varie epoche senza perdere d'identità.

Ultime opinioni inserite

Copertina dell'album
Iron Maiden - Somewhere In Time / Capolavoro assoluto, punto

Contemporaneo, nuovo, maideniano, classico. Il più riuscito ed equilibrato fra i dischi metal che in quel periodo hanno strizzato l'occhio alle nuove tecnologie. Chi ha messo anni fa 1 stella, 2 stelle e mezza, dovrebbe essere bannato da ogni sito metal e condannato ad ascoltare la trap finché campa!!

Copertina dell'album
Elegy - Labyrinth of Dreams / I pionieri del power-prog

Mi autocito (2008): "La proposta è originale, tiene presente il lato più raffinato dell'HM anni’80, ma lo conduce nel nuovo decennio nelle sue vesti techno-progressive, class-metal, power, talvolta combinandole fra loro (assieme anche a certo gusto melodico hard rock e alle influenze neoclassiche di Van der Laars)". Una volta di più, oggi: gli Elegy hanno inventato il power-prog, ma al momento buono si sono persi e hanno raccolto le briciole. Da riscoprire!

Copertina dell'album
Conception - State Of Deception / Band seminale, bentornati!

Album da Conception, bello e originale (fuori luogo lo snobismo letto altrove). Almeno 2 picchi clamorosi ai livelli dei (siderali) precedenti. E voce che è mancata moltissimo, tutt'altro che finita come scrissero anni fa alcuni leoncini poco avvezzi. Khan con Youngblood aveva portato gli ultimi Kamelot a diventare quasi i "nuovi Queensryche", ora sta facendo lo stesso con il sempre mirabile genio di Ostby. Il futuro promette molto, molto bene...

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.