Copertina 7,5

Info

Genere:Death Metal
Anno di uscita:2014
Durata:non disponibile
Etichetta:Season of Mist

Tracklist

  1. ELUSIVE REVERENCE
  2. SOUS LA LUEUR DE L'EMPEREUR
  3. EARTHBORN EVOLUTION
  4. THE GREAT REVELATION
  5. NEUROTICAL TRANSMISSIONS
  6. ABSTRAIT DIALOG
  7. THE AXIOM
  8. L'EXORDE
  9. THEATRICAL DELIRIUM
  10. FUNDAMENTAL PROCESS

Line up

  • Dominic "Forest" Lapointe: bass
  • Simon Girard: vocals, Guitars
  • Kévin Chartré: guitars
  • Philippe Boucher: drums

Voto medio utenti

Ehi giovane musicista, attento ad ascoltare questa roba, potresti abbandonare il tuo strumento che sei convinto di maneggiare con destrezza e darti alla disco music.

Poi ognuno dinnanzi a dischi come questo ha le sue reazioni; si può essere inorriditi da cotanta sterilità e freddezza, ci si può esaltare a tal punto da dover prendere fazzoletti per tergere liquidi corporei che sgorgano copiosi (lacrime, che avete capito?), si può apprezzare la bravura della band con moderato distacco. Sto parlando di Earthborn Evolution, secondo lavoro dei canadesi Beyond Creation un disco di technical death dove la brutalità lascia spazio all'estro musicale puro, una proposta che si affianca a quella dei conterranei Augury (con cui condividono il MOSTRUOSO bassista), musica simile a quella di Obscura, The Faceless, Gorod, Gigan. Avrete capito che l'originalità della proposta non è il punto di forza della band ma, rispetto ai nomi appena citati, i canadesi sono più progressivi, meno brutali, in certe situazioni picchiano bene ma il focus è sempre sugli strumenti, mai sulla cattiveria.

Il lavoro di basso è realmente incredibile, guida le linee delle canzoni e lavora costantemente sotto le chitarre, si destreggia tra sweep, tapping a due mani, slide e chissà cos'altro, ricordando uno Steve Di Giorgio sotto metanfetamina. Gli stacchi jazzati e free-form sono molto frequenti, anche la batteria è protagonista e si sente la necessità di un video che possa mostrare i colpi che butta per seguirne meglio le evoluzioni. Le chitarre, invece, sono in primo piano negli assoli piuttosto che nel riffing, dimostrando pulizia estrema, scale veloci ed insolite. Rispetto al precedente The Aura, troppo legato ai maestri del genere e oltremodo freddo, sul nuovo lavoro i Beyond Creation hanno aggiunto qualcosa, l'anima. Difficile forse trovarla nella quantità di note e poliritmie ma se seiete avvezzi a questo tipo di suono ve ne accorgerete immediatamente. Le composizioni, per quanto complesse e ricolme di finezze, viaggiano da sole, come se galleggiassero. Spesso si ha la sensazione di agglomerati di melodie che si fondono e diventano un'unica onda sonica morbida e fluttuante. A volte i tempi sono lenti, comodi, altre i blast beat della batteria tritano tutto poi si uniscono a partiture jazz rallentate, poi ecco il groove che si ripresenta, incastrato tra infinite variazioni.

Tra le cose che non convincono o che comunque sono da sistemare, segnalo la voce; un growl anonimo, piatto, non incisivo, comunque mai all'altezza delle partiture musicali. Anche la durata del lavoro è un punto a sfavore, ritengo che 46 minuti di contorsioni sul pentagramma siano troppi, alla lunga cala l'interesse e nonostante i molti cambi e soluzioni, si finisce per banalizzare il tutto.

Vi invito all'ascolto anche solo di uno dei video qui sotto, tenete però una zappa pronta perché il vostro strumento non vi servirà più.



Recensione a cura di Francesco Frank Gozzi

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.