Copertina 7,5

Info

Anno di uscita:2016
Durata:59 min.
Etichetta:Nuclear Blast
Distribuzione:Audioglobe

Tracklist

  1. YOU GOTTA BELIEVE
  2. MONSTER AT THE END
  3. FOR ALL KINGS
  4. BREATHING LIGHTNING
  5. SUZERAIN
  6. EVIL TWIN
  7. BLOOD EAGLE WINGS
  8. DEFEND/AVENGE
  9. ALL OF THEM THIEVES
  10. THIS BATTLE CHOSE US
  11. ZERO TOLERANCE

Line up

  • Scott Ian: guitar
  • Charlie Benante: drums
  • Frankie Bello: bass
  • Joey Belladonna: voice
  • Jonathan Donais: guitar

Voto medio utenti

Cinque anni dal precedente lavoro di inediti possono essere tanti o pochi, a seconda del livello di attesa. Nel mio caso, da fan di vecchia data quale sono, avevo lasciato che l'attesa diventasse spasmodica. Chi si aspetta molto è più facile che rimanga deluso, soprattutto se parliamo di un gruppo storico che veniva dal poco esaltante "Worship Music", invece con questo nuovo lavoro gli Anthrax hanno fatto centro. Certo, non sono piu' quelli della metà degli anni '80 ( nessuno lo poteva pretendere d'altronde ), che hanno sfornato capolavori quali "Spreading The Disease", "Among The Living" e "State Of Euphoria", però questo "For All Kings" non delude.
Nessuno si aspettava un "Caught In A Mosh II" ma in questo ultimo lavoro ( copertina bellissima ), non mancano i pezzi che ti fanno moshare, non manca la velocità tipica del thrash, la convinzione. Le melodie e le strutture dei brani sono buone, anche se a volte il groove poteva essere più forte, le canzoni scivolano via piacevolmente. Il lavoro si apre con "You Gotta Believe", a mio parere non proprio il miglior apripista possibile, e continua alternando pezzi veloci ("Zero Tolerance", "Evil Twin" ) con altri, la maggioranza, che si mantengono su mid tempo sostenuti anche se forse un po' troppo uguali gli uni con gli altri. Gli stop and go, le ritmiche martellanti e le chitarre "a mitraglia" tipicamente anthraxiani non mancano ed hanno il giusto mordente. "Monster At The End" , "Blood Eagle Wings" , " This Battle Chose Us" e la titletrack viaggiano, si, su riffoni pesanti ma dalla matrice quasi hard rock, mentre "All Of Them Thieves" rinvigorisce il disco con il suo incedere duro ed il bridge centrale veloce sorretto da ottimi assoli. La voce di Belladonna, meno acuta che in passato, non perde di incisività anche se piu' monocorde ed è comunque speculare al sound degli Anthrax odierni, molto meno heavy questo va detto. Ad ogni modo credo che un giudizio assoluto su questo lavoro che accontenterà i nuovi fans ma forse farà storcere il naso ai vecchi, si possa dare solo considerando che un gruppo difficilmente rimane uguale a se stesso dopo così tanti anni ( con certe notevoli eccezioni, vedi Slayer o Motorhead ) e se inquadriamo il nuovo corso intrapreso dalla band come un coraggioso tentativo di rinnovarsi, di rinfrescare il proprio sound senza tradire le proprie radici, allora questo disco ha centrato in pieno l'obiettivo. Se invece si vogliono ritrovare gli Antharx di vecchia data, beh, i lavori da ascoltare sono altri.
Recensione a cura di Marco ’Metalfreak’ Pezza

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 07 giu 2016 alle 16:55

Mi spiace per la videorecensione... vicissitudini personali in questi ultimi 6 mesi. Adesso potrei ri-iniziare :) E questo disco degli Anthrax è stato molto utile in questo periodo!!

Inserito il 06 giu 2016 alle 14:45

Confermo che l'album mi è piaciuto...e molto!!!!

Inserito il 12 mar 2016 alle 22:09

ma quindi sta videorecensione del graz???

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.