Copertina 7,5

Info

Anno di uscita:2019
Durata:54 min.
Etichetta:Silver Lining Music

Tracklist

  1. OPPONENT
  2. LASCIVIOUS
  3. MARTYRS
  4. LOTUS
  5. COVENANT
  6. PENANCE
  7. RIVER
  8. RIVAL
  9. LUNACY

Line up

  • Joel Ekelöf: vocals
  • Cody Ford: guitars
  • Stefan Stenberg: bass
  • Lars Åhlund: keyboards
  • Martin Lopez: drums, percussion

Voto medio utenti

Lotus è una genealogia discreta: ci fa esperire un salto improbabile.
Forse il salto.
Rilascia l'eccelsa possibilità di saltare la mamma. Verso la mamma-della-mamma. Quella nonna lieta che ci avvicina.

Questa volta siamo noi che possiamo raggiungerla.

MENO [] del II capitolo Tellurian
MENO () del III capitolo Lykaia
Più Spazializzato di II e III
Più plastico, struggente e rock dei primi tre. Quasi buono: mai ottimo!
Buon ascolto e restiamo vigili: non proiettiamo la buona novella oltre dove siamo.


1] OPPONENT
5'44''
Riffoni a rombi. Preludi. Frasi da Rambo: "sono i-io-o che vengo a prenderti!"
Tastiere e messaggi lirici nitidi. Appunto. Originale.
In salita senza affanni superflui.
Una della "meno soen, più soen"
Termina con ---> ritmo, intrecci sublimi di partiture, alti sospiri.

2] LASCIVIOUS
5'37''
Scandinava. Ieratica. Rocciosa. Dispersiva. Tra Walking By A Wire e gli stornelli del '700
Bocciata col condizionale davanti.

3] MARTYRS
6'24''
Mi pare proprio che non dobbiamo mai accontentarci. Su metal.it, nella piazza virtuale, da lustri, ci siamo spesi in molti per cesellare ogni uscita "altprog". Abbiamo "lanciato" i Dredg, scritto pagine tra Sieges Even e Pure Reason Revolution, preceduto Mabool, cantato i fasti dei norvegesi che hanno spostato avanti il prog. Etc.
Non vi tocco nel troppo-vivo...ma rilancio. Ancora e ancora.
l'ultimo minuto da standing ovation in un resto-mancia.

4] LOTUS
5'37"
Solletica la parte appesa alle stelle che ciascuno di noi teme di non raggiungere...
(Younger Brother meno psiconautici)
Gather around...
...Plant a tree, kill a man, let your instincts be in charge of you
Where you walk, what you dream, measures who you really are

5] COVENANT
5'42''
Finalmente una canzone che non ha mai scritto nessuno.
Suoni e incisioni superlativi. Quasi un buco nel mare, un vortice in una piscina.
La libertà interna spazza via spigoli e abiti..

6] PENANCE
6'17"
Angraniana. Spiraliana. Pregna e magica: come un fagiolo che trova la luce cercandola appena. Come la luce che incarna una foglia di legume.
Rimarrà e farà prigionieri. Primavera dell'animo umano.
La miglior sin qui... (una delle migliori della discografia)
"Piace alla nonna" (se Le andiamo incontro)

7] RIVER
5'21''
Paul O'Neill e sublimi sentiti. Pregna di quella poetica vetrosa e autunnale dei Royal Hunt (Wuthering Heights).
Cantata per far stridere le chitarre, Always (cit.)
Discreta perchè mette d'accordo i cuori languidi
dei metallari più ortodossi che accolgono ogni "forever" a fine testo.

8] RIVAL
5'51''
Canzone maiuscola. Segna la grandezza della band in uno dei suoi apici attuali. E proprio per questo fa preoccupare.
Ok le tastiere. Ok gli equilibri punteggiati fra piedi e mani. E stra Ok per le "linee" vocali. Sta nel corpo di Lotus come un intruso in un gioco di ruolo su un tavolo di giocatori esperti.
Fa a pugni con il resto dell'identità.
Ok perchè le problematicità ed i conflitti sono sale.
Non ok perchè "dipendiamo" da uscite che sottraggono possibili traiettorie dall'attesa perenne di testimoniare un nuovo-nuovo che avanzi.

9] LUNACY
8'21''
Contrasti detti, contraddizioni aperte è tempo di Kintsugi.
Ripariamo con l'oro. Leghiamo e cuciamo parti solide...
E che le fusioni avvengano altrove. Stiamo lucidi.


Tellurian 7,5 decimi. Lykaia 8 decimi.
Lotus :
1] sette e qualcosa
2] sei
3] sette meno
4] sei virgola
5] otto
6] otto (oltre 8)
7] sette meno
8] sette
9] sette/otto
Recensione a cura di Marco Pastagakio Regoli

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 18 feb 2019 alle 10:58

Condivido in pieno l'opinione di Sammy -Boy! Sicuramente sono io che a 46 anni e poco più di 35 di metal di ogni tipo nelle orecchie non capisco queste sottili...recensioni anche se per me non lo sono affatto. Il recensore si è creato il suo personaggio...buon per lui. Parere personale...si intende!!!

Inserito il 17 feb 2019 alle 18:52

A me invece sembra di aver capito che mi piacerebbe leggere una recensione che mi aiuti a comprendere se un album meriti o meno un ascolto o addirittura l'acquisto. Invece le recensioni scritte in maniera tanto autoreferenziale e autocelebrativa mi fanno solo incazzare. Parere personale,per carità. Ma tant'è

Inserito il 16 feb 2019 alle 15:15

Mi sembra di aver capito che condivido la rece di Pasta nella sua essenza cosmica … A me piacevano anche quando suonavano le cover dei Tool, adesso poi mi sembrano molto buoni, ma questa non è la mia "tazza di te" quotidiana e allora è capace che sbagli io ...

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.