Unleashed, Più vichinghi che mai!

Info

Gruppo:Unleashed
Gli Unleashed sono indubbiamente una delle 4 band nell’olimpo del Death Metal Svedese, sicuramente una delle più longeve e prolifiche dell’intero parco death metal. Per l’occasione del diciassettesimo disco “No Sign Of Life” abbiamo raggiunto Johnny Hedlund, storico cantante e bassista, per fare quattro chiacchiere non solo sul nuovo disco.
Ciao, benvenuto sulle pagine di Metal.it, “The Haunt for White Christ” è un disco incentrato contro la figura di cristo, il disco precedente “down of the nine” e “no sign of life” hanno come tematica principale la mitologia norrena, cosa ha portato questa alternanza di tematiche? il prossimo album avrà tematiche anti cristiane?
Ciao! Allora, negli ultimi 5 dischi consecutivi abbiamo lavorato sulla stessa trama per tutte le canzoni. L'ispirazione viene da un libro che io e un amico abbiamo scritto (ma mai finito) intitolato "Il Mondo di Odalheim". Poiché sembrava che non avessimo mai abbastanza tempo per finire, ho pensato che fosse una buona idea trasformare i capitoli del libro in canzoni in Unleashed. L'idea alla base del libro e i testi di Unleashed sembravano adattarsi abbastanza bene, le tradizioni e i valori vichinghi sono una parte importante in entrambi e quindi funziona molto bene, credo. La trama de " Il Mondo di Odalheim" generale riguarda i Guerrieri di Midgard che combattono per difendere il loro modo di vivere contro gli eserciti di Cristo Bianco. Penso che continueremo questa trama anche nel prossimo album.
Che ne pensi della grandissima quantità di gruppi che in questo momento si ispirano alla mitologia norrena? e non parlo solo di gruppi del nord europa, ma di gruppi di tutto il mondo, non pensi che a lungo andare diventi una tematica vuota di significato?
Affatto. Non riesco a pensare a un argomento migliore. Se non sei a corto di ispirazione, dovresti continuare così, questo è lo spirito proprio lì.
Come ha influito la pandemia su “No sign of Life”? come avete vissuto questo periodo? il periodo di stop dei concerti vi ha permesso di dedicare più tempo alla composizione dell’album o non ha influito per niente oppure come è successo a tanti gruppi avete avuto un blocco creativo dovuto alla mancanza di stimoli esterni?
Non ha influenzato affatto il nostro processo creativo. Le cose sono comunque così digitali da molto tempo. Abbiamo continuato a mandare file avanti e indietro, sia testi che musica, e continuavamo a lavorare come al solito. Ovviamente è stato davvero triste non poter suonare a tutti i nostri spettacoli prenotati, ma è stato lo stesso per tutti e penso che le cose stiano lentamente tornando alla normalità ora.
Le copertine di “The Haunt for White Christ” e quella di “No Sign of Life” sono molto simili, hanno due elementi in comune, il martello di Thor e i corvi di Odino, cosa ha portato a questa scelta di continuità?
La continuità è legata anche a quella del contenuto della trama del libro che ti ho raccontato prima, e in questo album i Midgard Warriors danno la caccia agli eserciti di White Christ nel deserto del Sinai. Ecco perché la copertina dell'album è nel deserto con le montagne ecc. E i corvi di Odino informano di nuovo il loro padrone delle cose che succedono, e il martello di Thor è sempre presente.

Immagine
Avete cambiato spesso etichetta discografica, soprattutto negli ultimi anni. A cosa è dovuto questo continuo cambio di etichetta, rispetto alla prima parte della tua carriera in cui il sodalizio con Century Media è stato molto forte?
Penso che ci siano alcune cose che sono necessarie affinché una cooperazione funzioni senza problemi, le terrò per me, ma non sono state per forza cose estremamente sbagliate. Potrebbe anche essere utile trarre qualche nuova ispirazione anche in una diversa collaborazione tra una band e l'etichetta.
Il death metal old school con influenze norrene in questo momento sta andando molto forte in questo periodo: voi siete stati tra i primi gruppi death metal a suonare questo tipo di musica, e per molti siete una forte ispirazione, che ne pensi di questo fenomeno? Le motivazioni e i bisogni espressivi che avevate voi 30 anni fa, secondo te possono essere gli stessi di ora?
Penso che il Death Metal o il Viking Death Metal siano una buona descrizione del nostro stile. Penso che si possa trarre ispirazione da molte cose diverse per la musica nel corso degli anni. Per gli Unleashed è sempre importante restare alle radici e continuare a sviluppare lo stile vichingo death metal. Altre influenze vanno bene, ma non dovrebbero prendere il sopravvento o essere dominanti in alcun modo. È la mia opinione.
C'è stato un momento nella tua carriera, identificabile con gli album Warrior e Hell's Unleashed in cui, a nostro avviso, Unleashed aveva perso un po' l'orizzonte, già non proprio eccelso con Victory e Sworn Allegiance, per poi tornare finalmente alla grandezza da Midvinterblot in poi. Dopo tanti anni, puoi dirci se è successo qualcosa di specifico, una semplice mancanza di ispirazione o è solo nostra opinione che trovi valide anche queste opere?
Naturalmente le trovo molto valide altrimenti non le avrei rilasciate. Ogni fase ed epoca ha i sui album per noi. Non posso dire che il miglior album o la migliore produzione sia diverso da quello con cui ho appena lavorato. In quel momento, era il meglio che potessimo fare con quel che avevamo.
Mi piacerebbe sapere qualche dettaglio del vostro primo contratto con century media. Sono molto interessato a sapere come si svolgevano gli accordi in quel momento di esplosione del death metal.
Il vecchio accordo con C.M. Ha reso la band assolutamente senza soldi da reinvestire in nuova attrezzatura, chitarre, amplificatori ecc. Non abbiamo visto assolutamente niente. Il nuovo accordo con C.M. comunque è ottimo. Tutti impariamo e miglioriamo lungo la strada.
Perché il chitarrista Tomas Måsgard è stato arrestato durante un tour negli anni '90 in America? è vero? Mi racconti questa storia?
Haha, no, non eravero. La foto a cui presumo tu ti riferisca era qualcosa che abbiamo inventato con un poliziotto locale sulla strada. Piuttosto divertente in realtà, ci siamo fatti tutti una risata. Compreso il poliziotto.

Immagine
Gli Unleashed hanno una delle formazioni più stabili dell'intera scena death metal, qual è il segreto?
Un certo numero di cose. Prima di tutto siamo molto amici. In secondo luogo, diamo una mano tutti nella band in modo che non diventi un one man show. Abbiamo anche concordato dal primo giorno cosa fare e cosa NON fare. Cosa suonare e cosa NON suonare. Questo è estremamente importante nella mia stima.
Grazie per l'intervista!

Ave Odino! / Johnny


Intervista a cura di Carlo Masoni

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?