Copertina 7

Info

Genere:Power Metal
Anno di uscita:2021
Durata:52 min.
Etichetta:Beyond the Storm Productions

Tracklist

  1. PRINCIPIUM TENEBRIS
  2. FIERY RAGE
  3. DARK SIDE OF MAGIC
  4. BLACKFIRE
  5. DRACONIS THEOCRACY
  6. EDGE OF POWER
  7. MONSTERS' BREAKAWAY
  8. DUSK OF A HERO
  9. DARKSPELL
  10. NECROPOTENCE
  11. A SONG OF DARKNESS AND LIGHT
  12. SYMPHONY OF MADNESS

Line up

  • Manuel D. Ascendent: drums
  • Alex Moth: guitars, vocals
  • Grym Hünter: guitars, vocals
  • Simon Borgen: violin, vocals
  • Arkanfel: vocals

Voto medio utenti

Un dragone sputafuoco che campeggia al centro dell’artwork, un titolo ed un monicker dal sapore fortemente rhapsodyano ("of fire", chiaramente!); insomma, quanto basta per comprendere anticipatamente, prima ancora dell'ascolto vero e proprio, la direzione artistica di questo esordio discografico degli italiani Draconicon, intitolato Dark Side Of Magic che, se non spicca per originalità, si fa comunque apprezzare per qualità, eleganza ed intensità.

Le analogie con la band che fu di Luca Turilli, ma ora saldamente nelle mani di Alex Staropoli, appaiono evidenti sin dalle neoclassiche ed epiche Fiery Rage, Blackfire o Darkspell.
Tuttavia sarebbe riduttivo ed errato bollare i Draconicon con la semplicistica etichetta di "cloni dei Rhapsody", anche perché, la presenza costante di uno strumento come il violino (suonato dalle abili dita di Simon Borghen) accomuna i nostri anche ad altre formazioni nostrane, vicine ad influenze più squisitamente folk e ovviamente l’accostamento più logico porta direttamente ai gloriosi Elvenking, parallelismo che viene rafforzato, non solo dalla presenza del sempre ottimo Damna, nelle vesti di special guest in occasione della celtica A Song Of Darkness And Light, ma anche per la connotazione fortemente pagana di tracce quali la title-track, Monster’s Breakaway o la conclusiva Symphony Of Madness.
Ad ogni modo, Dark Side Of Magic è un disco completo in cui, se da un lato spicca la tecnica dei musicisti, in particolare dei due chitarristi Alex Moth e Grym Hünter, dall’altro è anche in grado di trasmettere emozioni; merito di composizioni sinfoniche, mai eccessivamente invadenti, e di scelte melodiche particolarmente ricercate e convincenti, dal retrogusto agrodolce, che trovano la loro massima espressione in brani quali Edge Of Power (che, per stile, richiama altre bands nostrane, come Labyrinth e Secret Sphere) o la malinconica Dusk Of A Hero interpretata magistralmente, dal punto di vista espressivo, dal vocalist Arkanfel.

Alla fine Dark Side Of Magic centra pienamente il suo obiettivo e i Draconicon, in questo loro esordio, riescono a condensare e a reinterpretare in modo del tutto personale, tutto il meglio che il symphonic-melodic power italico ha sfornato negli ultimi 25 anni, dando vita ad un disco che, sebbene sia fortemente derivativo, risulta paradossalmente fresco, ma soprattutto emozionante e mai noioso, un album in cui drammaticità, sinfonie epiche, atmosfere gotiche, virtuosismi neoclassici e divagazioni progressive, convivono armonicamente combinandosi perfettamente tra loro.






Recensione a cura di HectorF78

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.