La Storia Dei Death SS (1987-2020) di Steve Sylvester con Gianni Della Cioppa e Stefano Ricetti

Info

Pubblicato il:07/09/2020
C’erano una volta i Death SS…e ci sono ancora!
Posso iniziare così questa piccola recensione dedicata alla storia di uno dei gruppi più rappresentativi del metal nostrano.
Il buon Steve dopo averci deliziato con il racconto autobiografico sulle proprie origini, la nascita e la morte della prima incarnazione dei Death SS da parte del suo leader nel precedente libro “Il Negromante Del Rock” ristampato ora da Tsunami, ecco che la casa editrice da alle stampe il secondo ed importante tomo.
Questo libro è fondamentale, perché viene raccontata la resurrezione artistica della creatura musicale e la sua lunga carriera per filo e per segno da Steve Sylvester stesso in prima persona come nel primo volume a lui dedicato.
Credetemi, il libro nonostante la mole di ben 544 pagine è scorrevolissimo, perché il nostro aiutato da due dei più grandi giornalisti musicali specializzati in Italia ovvero Gianni Della Cioppa ( che aveva curato in precedenza il volume delle origini del nostro) e Stefano Ricetti fa una lunga cavalcata attraverso la lunga carriera della propria creatura musicale.
Immagine

Un racconto denso di ricordi partendo dalla città eletta a rifugio come Firenze, l’avventura imprenditoriale iniziata con il pub l’Angelo Azzurro che sarà determinante per la resurrezione vera e propria dei Death SS e il relativo reclutamento dei membri.
Il nostro ci da anche un bello spaccato attraverso i ricordi di com’era vissuto in Italia l’heavy metal o l’approccio alla musica dura, non solo per quanto riguarda gli appassionati, ma anche chi magari dal punto di vista manageriale e discografico voleva introdursi nel filone.
Immagine

Il nostro non nasconde nulla, non lesina a raccontare sia il bello che il rovescio della medaglia, le disavventure discografiche e manageriali, gli incontri importanti con persone che hanno contribuito nel loro piccolo alla leggenda della band nostrana come le fatiche e i sacrifici per veicolare un’idea, una volontà artistica sempre guardato a vista da un’entità ultraterrena capricciosa e densa di mistero.
Questo lungo e imperdibile racconto viene ulteriormente rinforzato dalla viva voce di musicisti, performers, professionisti del mondo della musica, artisti vari e personaggi che hanno contornato l’esistenza del buon Sylvester aggiungendo aneddoti curiosi, esilaranti o anche malinconici.
Immagine

Una lunga cavalcata al quale il leader non risparmia nulla, ma veramente nulla, facendo un racconto sincero e soprattutto scagliandosi contro chi per sotterfugi, interessi politici o per usare violenza contro qualcuno osava insozzare il nome della sua creatura.
Ogni capitolo poi è ispirato al titolo di un film, spesso e volentieri horror, data la passione del nostro, ma ci sono anche nel libro molti spunti di riflessione utili, seri che fanno conoscere ancora di più lo Steve Sylvester uomo non solo l’artista.
Il libro ha anche delle sezioni speciali per affrontare determinati argomenti durante la lettura dei capitoli e soprattutto è corredato con delle stupende fotografie a colori ed in bianco e nero lungo la carriera della band italiana.
Immagine

A chiusura di tutto c’è un’appendice dove troviamo le testimonianze di musicisti metal affermati che sono diventati fan e seguaci dei nostri e fanno trasparire la passione verso la loro musica e questo sinceramente m’inorgoglisce.
P.S. : lasciatemi fare una chiosa finale; io ho cominciato a seguire da adolescente il cammino musicale della band del buon Steve Sylvester quando venne a Bergamo Alta per una manifestazione chiamata “Bergamo Rockfest” ed era l’headliner dell’ultima serata, conservo gelosamente il depliant dell’evento, dopo li vidi altre volte in azione ed ora sono un iscritto al Cursed Coven, il fan club ufficiale.
In questa italietta musicale mainstream dove si beano presunti “talenti musicali” che sono solo strategie di marketing ad uso e consumo dei soliti noti, ecco in patria un vero talento che avrebbe meritato più di quello che ha raccolto, che con tenacia, sacrificio e una volontà di ferro sta portando avanti un’idea personale di musica dura rivestita di oscurità, divertimento, trasgressione e sensualità, perciò lunga vita a Steve Sylvester, lunga vita ai Death SS!

Steve Sylvester con Gianni Della Cioppa e Stefano Ricetti
La Storia Dei Death SS (1987-2020)
Collana Gli Uragani
544 pagine+ 32 a colori, ISBN 978-88-94859-37-9
Euro: 26.00
Tsunami Edizioni
http://www.tsunamiedizioni.com/
Articolo a cura di Matteo Mapelli

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per questo articolo! Vuoi essere il primo?

© 2002-2020 Metal.it / Privacy policy